Il fallimento dell’egemonia liberale secondo Mearsheimer

Questo è un estratto dal nuovo libro The Great Delusion: Liberal Dreams e International Realities di John Mearsheimer, pubblicato su The National Interest.

L’egemonia liberale è una strategia ambiziosa nella quale uno stato mira a trasformare il maggior numero possibile di paesi in democrazie liberali a sua immagine, promuovendo al tempo stesso un’economia internazionale aperta e costruendo istituzioni internazionali. In sostanza, lo stato liberale cerca di diffondere i propri valori in lungo e in largo. Il mio obiettivo in questo libro è descrivere cosa succede quando uno stato potente persegue questa strategia a scapito della politica di balance of power.

Molti in Occidente, specialmente tra le élite della politica estera, considerano l’egemonia liberale una politica saggia che gli Stati dovrebbero adottare in maniera irrefutabile. Diffondere la democrazia liberale in tutto il mondo si dice sia sintomo di buon senso sia dal punto di vista morale che strategico. Per cominciare, si crede che sia un ottimo modo per proteggere i diritti umani, che a volte sono seriamente violati da stati autoritari. E poiché la politica sostiene che le democrazie liberali non vogliono entrare in guerra tra loro, alla fine fornisce una formula per trascendere il realismo e promuovere la pace internazionale. Infine, i sostenitori dell’egemonia liberale affermano che aiuta a proteggere il liberalismo in patria eliminando gli stati autoritari che altrimenti potrebbero aiutare le forze illiberali che sono costantemente presenti nello stato liberale.

Queste convenzioni tuttavia sono errate. Le grandi potenze sono raramente in grado di perseguire una politica estera liberale su vasta scala. Finché due o più di loro esistono sul pianeta, non hanno altra scelta che prestare molta attenzione alla loro posizione nell’equilibrio globale del potere e agire secondo i dettami del realismo. Le grandi potenze si preoccupano profondamente della loro sopravvivenza, e c’è sempre il pericolo in un sistema bipolare o multipolare di essere attaccati da un’altra grande potenza. In queste circostanze, le grandi potenze liberali vanno a muso duro contro la retorica liberale. Parlano come liberali e si comportano da realisti.

Se adottassero politiche liberali che sono in contrasto con la logica realista, finiranno per pentirsene. Ma occasionalmente una democrazia liberale incontra un così favorevole equilibrio di potere che è in grado di abbracciare l’egemonia liberale. È probabile che questa situazione si presenti in un mondo unipolare, in cui l’unico grande potere non deve preoccuparsi di essere attaccato da un’altra grande potenza poiché non ce ne sono altre. Quindi l’unico polo liberale abbandonerà quasi sempre il realismo e adotterà una politica estera liberale. Gli stati liberali hanno una mentalità crociata insita che è difficile da frenare.

Poiché il liberalismo sposa il concetto di diritti inalienabili o naturali, i liberali impegnati sono profondamente preoccupati per i diritti di praticamente ogni individuo sul pianeta. Questa logica universalista crea un potente incentivo per gli stati liberali a farsi coinvolgere negli affari dei paesi che violano gravemente i diritti dei loro cittadini. Per fare un ulteriore passo avanti, il modo migliore per garantire che i diritti degli stranieri non siano calpestati è che vivano in una democrazia liberale. Questa logica conduce direttamente a una politica attiva di regime change, in cui l’obiettivo è quello di rovesciare gli autocrati e instaurare delle democrazie liberali al loro posto.

I liberali credono in questa missione, principalmente perché spesso hanno una grande fiducia nella capacità del loro stato di fare ingegneria sociale sia in patria che all’estero. Anche la creazione di un mondo popolato da democrazie liberali è una formula per la pace internazionale, che non solo eliminerebbe la guerra ma ridurrebbe, se non addirittura eliminerà, i due flagelli della proliferazione nucleare e del terrorismo. E infine, è un modo ideale per proteggere il liberalismo a casa.

Nonostante questo entusiasmo, l’egemonia liberale non raggiungerà i suoi obiettivi, e il suo fallimento porterà inevitabilmente a enormi costi. Lo stato liberale rischia di finire in guerre senza fine, che aumenteranno piuttosto che ridurre il livello di conflitto nella politica internazionale e quindi aggravare i problemi di proliferazione e terrorismo. Inoltre, il comportamento militarista dello stato è quasi certo che finirà per minacciare i propri valori liberali. Il liberalismo all’estero porta a illiberalismo a patria. Infine, anche se lo stato liberale raggiungesse i suoi obiettivi – diffondendo la democrazia vicino e lontano, promuovendo rapporti economici e creando istituzioni internazionali – non avrà prodotto pace.

a chiave per capire i limiti del liberalismo è riconoscere la sua relazione con il nazionalismo e il realismo. Questo libro analizza questi “tre ismi” e su come interagiscono nell’influenzare la politica internazionale.

Il nazionalismo è un’ideologia politica enormemente potente. Riguarda la divisione del mondo in un’ampia varietà di nazioni, che sono formidabili unità sociali, ciascuna con una cultura distinta. Praticamente ogni nazione preferirebbe avere un proprio stato, anche se non tutti possono farlo. Tuttavia, viviamo in un mondo popolato quasi esclusivamente da stati nazionali, il che significa che il liberalismo deve coesistere con il nazionalismo. Gli stati liberali sono anche stati nazionali. Non c’è dubbio che il liberalismo e il nazionalismo possano coesistere, ma quando si scontrano, il nazionalismo vince quasi sempre.

L’influenza del nazionalismo spesso indebolisce una politica estera liberale. Ad esempio, il nazionalismo attribuisce grande importanza all’autodeterminazione, il che significa che la maggior parte dei paesi resisterà agli sforzi di un grande potere liberale di interferire nelle loro politiche interne, il che, naturalmente, è l’egemonia liberale. Questi due ismi si scontrano anche con i diritti individuali. I liberali credono che tutti abbiano gli stessi diritti, indipendentemente dal paese che chiamano casa. Il nazionalismo è un’ideologia particolaristica in tutto e per tutto, il che significa che non considera i diritti come inalienabili. In pratica, la stragrande maggioranza delle persone in tutto il mondo non si preoccupa molto dei diritti delle persone in altri paesi. Sono molto più preoccupati dei diritti dei loro concittadini, e anche questo impegno ha dei limiti. Il liberalismo sovrasta l’importanza dei diritti individuali.

Anche il liberalismo non può competere con il realismo. Fondamentalmente, il liberalismo presuppone che gli individui che costituiscono una società a volte abbiano profonde differenze su ciò che costituisce una vita corretta, e queste differenze potrebbero indurli talvolta a cercare di uccidersi a vicenda. Quindi è necessario uno stato per mantenere la pace. Ma non esiste uno stato mondiale per tenere a bada i paesi quando hanno profondi disaccordi. La struttura del sistema internazionale è anarchica, non gerarchica, il che significa che il liberalismo applicato alla politica internazionale non può funzionare. I paesi hanno quindi poca scelta se non quella di agire secondo la logica del bilanciamento del potere se sperano di sopravvivere. Ci sono casi speciali, tuttavia, in cui un paese è così sicuro da poter prendere una pausa dalla realpolitik e perseguire politiche veramente liberali. I risultati sono quasi sempre cattivi, in gran parte perché il nazionalismo ostacola il crociato liberale.

La mia tesi, che sintetizzo brevemente, è che il nazionalismo e il realismo quasi sempre superano il liberalismo. Il nostro mondo è stato formato in buona parte da quei due potenti “ismi”, non dal liberalismo. Basti considerare che cinquecento anni fa l’universo politico era notevolmente eterogeneo; includeva città-stato, ducati, imperi, principati e altre forme politiche assortite. Quel mondo ha lasciato il posto a un globo popolato quasi esclusivamente da stati nazionali. Sebbene molti fattori abbiano causato questa grande trasformazione, due delle principali forze trainanti del sistema statale moderno erano il nazionalismo e la politica del bilanciamento del potere.

L’egemonia liberale americana

Questo libro è anche motivato dal desiderio di comprendere la recente politica estera americana. Gli Stati Uniti sono un paese profondamente liberale che è emerso dalla Guerra Fredda come lo stato di gran lunga più potente del sistema internazionale. 1) Il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991 lo ha lasciato in una posizione ideale per perseguire l’egemonia liberale. 2) L’establishment americano che guida la politica estera sostenne quella politica ambiziosa con poche esitazioni e con abbondante ottimismo sul futuro degli Stati Uniti e del mondo. Per lo meno, il pubblico più ampio ha condiviso questo entusiasmo.

Lo zeitgeist in questo senso è stato raggiunto nel famoso articolo di Francis Fukuyama, The End of History?, Pubblicato proprio mentre la Guerra Fredda stava giungendo al termine. Il liberalismo, sostenne, sconfisse il fascismo nella prima metà del XX secolo e il comunismo nella seconda metà, e ora non rimane alcuna valida alternativa. Il mondo sarà interamente popolato da democrazie liberali. Secondo Fukuyama, queste nazioni non avrebbero avuto praticamente nessuna controversia significativa e le guerre tra le grandi potenze sarebbe cessate. Il problema più grande più grande per le persone di questo nuovo mondo, scrisse, potrebbe essere la noia.

All’epoca si credeva anche che la diffusione del liberalismo avrebbe infine portato alla fine del bilanciamento di potere. La dura competizione di sicurezza che ha caratterizzato per lungo tempo le relazioni di grande potenza sarebbe scomparso, e il realismo, a lungo il paradigma intellettuale dominante nelle relazioni internazionali, finito nella spazzatura della storia. “In un mondo in cui la libertà, non la tirannia, è in marcia”, proclamò Bill Clinton durante la campagna per la Casa Bianca nel 1992, “il cinico calcolo delle politiche del potere semplicemente non funziona più. Non è adatto a una nuova era in cui le idee e le informazioni vengono trasmesse in tutto il mondo prima che gli ambasciatori possano leggere i loro cables. “

Probabilmente nessun presidente recente ha abbracciato la missione di diffondere il liberalismo con più entusiasmo di George W. Bush, che  in un discorso nel marzo 2003, due settimane prima dell’invasione dell’Iraq, affermò: “L’attuale regime iracheno ha mostrato il potere della tirannia di diffondere discordia e violenza in Medio Oriente. Un Iraq liberato può mostrare il potere della libertà di trasformare quella regione vitale, portando speranza e progresso nella vita di milioni di persone. Gli interessi americani in materia di sicurezza e la fede americana nella libertà conducono entrambi nella stessa direzione: verso un Iraq libero e pacifico”.

Più tardi, nello stesso  il 6 settembre, disse:” L’avanzata della libertà è la chiamata del nostro tempo; è la vocazione del nostro paese. Dai Quattordici Punti alle Four Freedoms, al Discorso di Westminster, l’America ha messo il nostro potere al servizio del principio. Crediamo che la libertà sia il design della natura; crediamo che la libertà sia la direzione della storia. Crediamo che l’adempimento umano e l’eccellenza arrivino nell’esercizio responsabile della libertà. E crediamo che la libertà – la libertà che noi attribuiamo – non sia solo per noi, è il diritto e la capacità di tutta l’umanità”.

Qualcosa è andato storto. La visione della maggior parte delle persone sulla politica estera degli Stati Uniti oggi, nel 2018, è nettamente diversa da quella del 2003 e degli anni ’90. Il pessimismo, non l’ottimismo, domina la maggior parte delle valutazioni delle conquiste dell’America durante le sue vacanze dal realismo. Sotto i presidenti Bush e Barack Obama, Washington ha svolto un ruolo chiave nel seminare morte e distruzione in tutto il Medio Oriente, e ci sono poche prove che il caos possa cessare presto. La politica americana nei confronti dell’Ucraina, motivata dalla logica liberale, è principalmente responsabile della crisi in atto tra Russia e Occidente. Gli Stati Uniti sono stati in guerra ogni due su tre anni dal 1989, combattendo sette diverse guerre. Non dovremmo essere sorpresi da questo. Contrariamente alla saggezza prevalente in Occidente, una politica estera liberale non è una formula per la cooperazione e la pace, ma per l’instabilità e il conflitto.

In questo libro mi concentro sul periodo tra il 1993 e il 2017, quando le amministrazioni di Clinton, Bush e Obama, che hanno controllato la politica estera americana ciascuna per otto anni, erano pienamente impegnate nel perseguire l’egemonia liberale. Sebbene il presidente Obama avesse delle riserve su quella politica, non importava molto del modo in cui la sua amministrazione agiva effettivamente all’estero.

Non considero l’amministrazione Trump per due ragioni. In primo luogo, mentre stavo finendo questo libro era difficile determinare quale sarebbe stata la politica estera del Presidente Trump, anche se è chiaro dalla sua retorica durante la campagna del 2016 che riconosce che l’egemonia liberale è stata un miserabile fallimento e vorrebbe abbandonare la chiave elementi di tale strategia. In secondo luogo, ci sono buone ragioni per pensare che con l’ascesa della Cina e la risurrezione del potere russo Trump non avrà altra scelta che muoversi verso una grande strategia basata sul realismo, anche se incontrerà una notevole resistenza in patria.

(Traduzione di Roberto Vivaldelli)