Clandestini: durante le elezioni, stranamente, sbarchi fermi

Secondo le rivelazioni dell’ex generale di Corpo d’Armata Vincenzo Santo, rilanciate da il Giornale, capo di Stato Maggiore delle Forze Nato in Afghanistan, “sono giorni che non si sente parlare di gente che sbarca sulle nostre coste”. Il motivo? “Forse perché siamo a ridosso delle elezioni”.

La teoria è dunque che, esattamente come avvenuto per il G7 di Taormina, il “processo inarrestabile” si sia dimostrato “un po’ meno inarrestabile”.

E in effetti, secondo le tavole del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, non ci sono arrivi sulle nostre coste dal 26 febbraio, e i numeri sono calati a picco già dal 25.

Chi crede ancora che l’immigrazione di massa di questi anni sia un processo spontaneo è pregato, quantomeno, di porsi qualche domanda.

(La Redazione)