The Hill: “L’onda blu si schianta contro il muro rosso di Trump”

Le speranze democratiche di un’onda blu che avrebbe dovuto concretizzarsi nelle elezioni di metà mandato di martedì si sono schiantate contro il muro rosso della maggioranza del Senato del GOP che il presidente Trump ha protetto – e alla fine ha consolidato.

I democratici riprenderanno la maggioranza della Camera, mettendo un bastone fra le ruote negli sforzi legislativi di Trump e ottenendo dei poteri di supervisione che permetteranno ai presidenti di commissione di citare in giudizio l’amministrazione a destra e a manca. Ma i Repubblicani sembrano destinati a guadagnare fino a quattro seggi nel Senato, superando le aspettative e dando a Trump la possibilità di ottenere più facilmente conferme dei membri del Gabinetto e dei giudici.

I risultati evidenziano la polarizzazione della politica americana nell’era di Trump, che si vede sempre più attraverso divisioni che corrono lungo linee razziali, economiche e urbano-rurali. L’onda rossa promessa da Trump si è manifestata in stati come Indiana, Missouri e North Dakota, dove i candidati al Senato Democratico sono stati sommersi. Un’ondata blu si è materializzata nei sobborghi di tutto il paese, consegnando ai democratici la maggioranza della loro Camera attraverso i distretti in Virginia, Pennsylvania, Minnesota e Texas. I dem hanno conquistato tre posti nella sempre più blu Virginia.

I democratici possono guadagnare fino a 35 seggi, superando facilmente i 23 di cui avevano bisogno per prendere la maggioranza. Ma le vittorie dei democratici alla Camera non si sono avvicinate quelle dei midterms del 2010, quando i repubblicani conquistarono la maggioranza raccogliendo 63 seggi.

Per una serie di ragioni, i democratici stanno ne escono insoddisfatti. Speravano in un clamoroso flop di Trump, che sta commentando i risultati elettorali come “un enorme successo”.

Inoltre, il GOP ha trionfato in diverse gare di alto profilo.

In Florida, il democratico Andrew Gillum ha perso contro un alleato di Trump, Ron DeSantis. La sconfitta  è particolarmente amara per i democratici data la natura storica della campagna di Gillum; sarebbe stato il primo afroamericano eletto governatore della Florida.

In Georgia, il democratico Stacey Abrams è destinato a perdere contro Brian Kemp, e non può costringere il segretario di Stato repubblicano a un ballottaggio, tenendolo sotto il 50%.

In Texas, il repubblicano Beto O’Rourke ha condotto un’intensa campagna contro il senatore Ted Cruz, ma si è concluso la vittoria di Cruz, che tornerà al Senato per un secondo mandato. O’Rourke rimane una stella progressista con un futuro brillante, ma la sua sconfitta è stata una delle tre sconfitte che rappresentano un brutto colpo emotivo per i democratici di tutto il paese che invocavano una grande vittoria di un candidato popolare.

Niente di tutto ciò annulla il fatto che i democratici che conquistano l’Assemblea e questo rappresenta una grande vittoria per il partito che cambierà radicalmente il potere a Washington.

I democratici sembrano destinati ad ottenere una manciata di seggi anche in Michigan. E il democratico Tony Evers ha sconfitto il Gop Gov. Scott Walker nel Wisconsin, che dà ai democratici una vittoria di alto profilo in uno stato che li ha delusi due anni fa votando per Trump.

Eppure i democratici hanno perso male in ​​Florida e in Ohio, probabilmente due stati chiave in un’ottica di elezioni presidenziali. Entrambi saranno guidati nel 2020 dai repubblicani che hanno vinto le loro sfide in buona parte grazie a Trump. Questa è un’altra vittoria per Trump, che dovrà affrontare un’assemblea Democratica per i prossimi due anni, ma ha ottenuto alcuni vantaggi in vista della sua rielezione.

(The Hill – Traduzione di Roberto Vivaldelli)