Ahmad, da rifugiato in Norvegia a terrorista: sarà processato in Italia

Najmaddin Faraj Ahmad verrà estradato dalla Norvegia, se i tribunali italiani lo condanneranno. Lo ha dichiarato sabato scorso il Ministro della giustizia norvegese. L’estremista islamico, accusato di reclutare terroristi in Iraq e Siria, verrà processato in Italia mercoledì – senza essere presente fisicamente – come riportano il quotidiano norvegese Nettavisen e Breitbart. Ahmad è conosciuto come Mullah Krekar in Norvegia, dove vive dal 1991.

Secondo i pubblici ministeri italiani, Krekar è la mente dietro a Rawti Shax, una rete europea che punta a rovesciare con la violenza il governo nella regione del Kurdistan in Iraq e a sostituirlo con un califfato radicale. Rawti Shax è affiliato allo Stato Islamico.

I nostri pubblici ministeri sostengono che Rawti Shax abbia costruito una rete di cellule operative “per compiere azioni violente sul suolo europeo o contro gli interessi occidentali per generare paura nella popolazione o fare pressione sui governi e le organizzazioni internazionali”, riferisce il quotidiano norvegese.

“Se viene condannato in Italia, sconterà lì la sua pena. Mi prenderò cura di questo “, ha affermato il ministro norvegese Amundsen sabato scorso. Krekar arrivò in Norvegia come rifugiato nel 1991. I funzionari norvegesi da tempo desideravano da portarlo fuori dal paese. Krekar fondò l’ormai defunto gruppo terroristico Ansar al-Islam, che mirava a instaurare un califfato islamico nel Kurdistan iracheno. Secondo quanto riferito da Breitbart, l’organizzazione ha aderito allo Stato Islamico nel 2014.

(di Roberto Vivaldelli)