Iran, la foto “simbolo delle proteste” non c’entra nulla con le manifestazioni

Una donna a capo scoperto che tiene il suo velo sopra un bastone è largamente utilizzata sui social network per incarnare le manifestazioni. La foto è in realtà precedente ai primi cortei.
L’immagine circola largamente sui social network, ma anche sui numerosi media dall’inizio delle manifestazioni che scuotono l’Iran da giovedì 29 dicembre: in una strada iraniana, una giovane donna a capo scoperto sventola il suo velo sopra un bastone. Per molti, diventa un’immagine iconica del movimento.

Così la contestatrice iraniana impegnata per i diritti umani Maryam Namazie, che vive nel Regno Unito, elogia il gesto: “Una delle icone delle manifestazioni di ieri è stata una giovane donna con il suo hidjab obbligatorio su un baastone… Che visione meravigliosa!”

Negli Stati Uniti, nonostante l’immagine sia circolata ampiamente in tutti gli ambienti, l’hanno particolarmente utilizzata personalità e siti vicini all’alt-right (estrema destra), come Breitbart.

Un disegno, anch’esso largamente diffuso, ha confermato il suo status di icona:

“Mercoledì bianco”
Tuttavia, come rimarcato da un nostro giornalista a Teheran, Ghazal Golshiri, questa immagine non è legata al movimento di protesta attuale.
La foto è stata pubblicata per la prima volta su Facebook e Instagram dalla giornalista iraniana che vive negli Stati Uniti Mashid Alinejad, giovedì 28 dicembre, insieme ad altre foto e a un video. Il giorno della prima manifestazione a Machhad. Ma Alinejad precisa che la foto è stata scattata il giorno prima, mercoledì 27, Enghelab Avenue, a Teheran. Tre giorni prima della prima manifestazione nella capitale iraniana, di sabato. Ella aggiunge che la giovane donna è stata arrestata, come “il gruppo di giovani che la sosteneva”.

Un video messo in rete permette per di più di vedere che la giovane non è circondata da manifestanti. I passanti e le auto circolano normalmente.

L’azione è in realtà legata al movimento “Mercoledì bianco” lanciato dalla signora Alinejad sui social network per protestare contro le restrizioni sull’abbigliamento femminile in Iran. Sulla sua pagina Facebook “My Stealthy Freedom”, la giornalista pubblica immagini e video di donne iraniane in bianco o senza velo.

(da Le Monde – Traduzione di Edoardo Nolli)