Pronti ad andare “Oltre la Linea” 18-01-2017

La storia è la versione dei fatti di chi detiene il potere”

Georg Wilhelm Friedrich Hegel

Oltre la Linea nasce dall’esperienza di Azione Culturale. Quindi da quella comunione di intenti che ha visto persone provenienti da esperienze e formazioni politico-culturali diverse accomunate da un solo obiettivo: registrare e rilevare tutto ciò che non va nel sistema che viviamo, nel Paese che viviamo, in un Occidente disastrato che ancora non improvvisa una reazione al degrado che lo vede protagonista da almeno vent’anni.

Quando ci riunimmo nel febbraio del 2016, sapevamo che il nostro lavoro non sarebbe stato facile. Eppure il numero dei lettori che, nel corso dei mesi, palesò interesse per il nostro giornale, ci ha dimostrato che la fatica, specialmente se attuata con passione e impegno, paga sempre.

In questi mesi sono nate solide collaborazioni, amicizie sincere, e pure un raduno che, il 18 giugno 2016, ha visto persone provenienti da ogni parte d’Italia riunite per condividere i primi frutti della nostra meravigliosa esperienza.

Oltre la Linea è un giornale di attualità politica, ma anche un contenuto di riflessioni storiche, economiche, filosofiche. È l’umanistica nella sua essenza più concreta.

Il nostro organico ha una composizione eterogenea: giornalisti professionisti, ricercatori universitari, ma anche persone normali che fanno pure dello studio e dell’informazione una loro ragione di vita. È la semplicità al servizio della cultura.

Un gruppo compatto ma che, contrariamente a ciò che si potrebbe intendere, non ha una visione filosofica univoca se non per un elemento che ci unisce profondamente: il rifiuto della società globalizzata e di tutti i dogmi che essa diffonde biblicamente.

Il nostro scopo primario è quello di intervenire in questo blocco monolitico per seminare finalmente il germe del dibattito, una componente che riteniamo praticamente assente in un mondo basato su principi intoccabili come l’europeismo, il multiculturalismo, l’annientamento delle differenze e dei diritti dei lavoratori.

Siamo convinti che il degrado che ci affligge non sia solo economico, sebbene questo sia l’elemento immediatamente riscontrabile dalla maggioranza delle persone.

Siamo convinti che sia prioritario agire, sempre motivando e argomentando minuziosamente, sconfessando tanti soloni della cultura occidentale che non presentano necessariamente le verità dei fatti, ma la loro versione adattata alle esigenze di un potere interessato soprattutto a preservare sé stesso.

Siamo convinti che sia necessario promuovere un’informazione libera, lontana da ingerenze e da condizionamenti che troppo spesso interferiscono con la genuina attività di divulgare la conoscenza.

Per questo abbiamo deciso di fondare un nuovo progetto, enormemente più ambizioso del precedente e rafforzato da strutture e mezzi ben più ampi, basato non soltanto sull’idea di espandere il nostro pensiero, ma di confrontarlo con il maggior numero di persone possibili.

Per questo abbiamo deciso di andare Oltre. Buona lettura.

La redazione