La grande differenza tra l’antifascismo italiano e l’antifascismo russo

 

L’antifascismo italiano, nel suo conformismo quasi religioso e nella sua mielosa retorica, ha per 71 anni contribuito alla diffusione sistematica di tesi atte a denigrare ogni opera realizzata durante il Ventennio fascista, silenziando o boicottando ogni voce non conforme – Renzo De Felice in primis – che riuscisse a creare una coscienza critica e scardinasse una imposizione culturale in piena regola, costituita più da un prezzolato diktat multigenerazionale che da una ricerca storiografica imparziale o quantomeno il più oggettiva possibile.

Una retorica sbandierata ai quattro venti dal Partito Comunista Italiano, più o meno passivamente accettata dalla DC (visto che l’antifascismo non serve a modificare l’esistente, ma a confermarlo) e presente in maniera massiccia ancora oggi grazie ad associazioni partigiane ed istituti storici della Resistenza, che ancora oggi continuano a promuovere, spesso scadendo nel ridicolo, un’immagine romantica ed eroica dell’antifascismo catalizzata nella Resistenza.

Un’epopea costruita sorvolando volentieri, e più o meno coscientemente, pure su ombre di una certa gravità quali il Triangolo della Morte in Emilia Romagna, l’Eccidio dei Conti Manzoni, l’Eccidio dei Fratelli Govoni, l’Eccidio di Schio e molti altri punti oscuri del cosiddetto “riscatto morale degli italiani”, glorificazioni che hanno contribuito a rafforzare la sopravvivenza del fuorviante dualismo tra eroici partigiani e demoniaci repubblichini.

Il perché di questa retorica mistificatrice è riscontrabile in un persistente problema di fondo, ovvero l’incapacità dell’Italia repubblicana di ammettere i meriti dell’Italia fascista. Pare impossibile oggi poter anche solo ammettere che in vent’anni l’Italia abbia potuto godere di provvedimenti apprezzabili (dal campo della previdenza sociale a quello dell’edilizia, dalla modernizzazione e bonifica del territorio alla creazione di uno spirito nazionale, finendo col grande apporto culturale di uomini vicini al fascismo stesso) senza venir tacciati come pericolosi nazisti reazionari.

Sin dal 1945, agli antifascisti che fino al giorno prima facevano recapitare a Palazzo Venezia lettere al miele, avrebbero potuto dimostrare dettagliatamente come essere antifascisti non significasse essere feticisti maniacali dell’anti-patriottismo. In realtà la storia a casa nostra è andata in maniera diversa, e gli eredi politici di quelle persone sono spesso coloro i quali oggi, con epiteti senza senso come “populista” ed, appunto, l’immancabile “fascista”, condannano tout-court qualunque movimento politico che rivendichi, in un’Europa globalizzata e vassalla dell’impero anglo-americano, la sovranità del proprio Paese.

Una imposizione psicologica settantennale riscontrabile anche in Germania, che ha spinto pure il popolo tedesco ad accettare senza reagire qualsiasi decisione folle da parte del proprio esecutivo – non ultima, l’importazione dalla Siria (martoriata dalla guerra imperialista), di manodopera a basso costo, oltre che di tutti i disagi di ordine sociale che anche recentemente possiamo notare agli onori delle cronache teutoniche. I continui insulti al movimento Pegida, l’unico che, seppur con tanti difetti, alzi la testa di fronte a tale situazione, confermano pienamente il comune destino del popolo tedesco con il nostro.

Un antifascismo, quello sviluppatosi nei paesi sconfitti dalla guerra, che stride fortissimamente con l’antifascismo russo, il quale anziché rappresentare una pregiudiziale resistenza a concetti di natura tradizionalista, patriottica, nazionalista e sovranista, rappresenta con orgoglio la resistenza armata di tutto il popolo sovietico nella Grande Guerra Patriottica contro l’invasore straniero, e in generale l’omaggio nei confronti di un enorme sacrificio speso dal popolo sovietico (dai 25 ai 30 milioni di morti). Ancora oggi il ricordo annuale di quell’impresa nella cosiddetta Giornata della Vittoria, tra le più importanti festività russe, viene omaggiato con parate militari nella Piazza Rossa, in una celebrazione intrisa di patriottismo in cui vengono onorati con notevole commozione i caduti ed i reduci nazionali.

Un antifascismo che si pone come arma di difesa a livello culturale rispetto ai valori sacri della tradizione russa quali la Patria, la sovranità nazionale e la sacralità dei confini. Quanto stride tutto ciò se analizziamo in cosa viene convogliato l’antifascismo medio che dobbiamo sorbirci qui, se pensiamo che non crea troppi problemi il definire “nuovi partigiani” gli individui in arrivo quotidianamente sulle nostre coste quotidianamente. Un antifascismo che fa volentieri il paio con tutto ciò che di più conservativo può esserci nel sistema attuale, che ha il ruolo di utile contentino di corollario per la concessione, a fronte della morte dello stato sociale, di diritti civili, di litanie globalizzanti, in ultima istanza di generale benedizione sul capitalismo borghese post-sessantottino nel cui elogio sono cadute, alla fine, tutte le sinistre occidentali.

A ragion di ciò, è francamente difficile non provare diffidenza e repulsione verso questo tipo di antifascismo e verso le sue filiazioni, diventate l’arma preferita dai liberal de noantri in mancanza di argomenti. Una carta moschicida per tutti coloro i quali anziché analizzare a fondo il modello russo e ricercare in sé stessi un qualsivoglia sentimento di riscatto patriottico, gioiscono il 25 aprile dell’occupazione del suolo nazionale da parte degli USA con più di 59 basi, continuando a considerare come pericolo fascista (“Trama nera, Trama nera, sol con te si fa carriera” dicevano) anche l’innocua visita del ragazzetto di CasaPound al Campo 10 del Cimitero Maggiore di Milano, permettendosi pure il lusso di infamare e sputare sentenze ed infamie verso coloro che scelsero la “parte sbagliata” dopo l’8 settembre 1943.

Un antifascismo ridicolo che è giunto il momento di mettere da parte e che non ha nulla a che fare con la gloriosa giornata del 9 maggio russo. Un antifascismo che a differenza del nostro, nato da una sconfitta e molti voltafaccia, è la festa di un popolo vincitore su di una tremenda e sanguinosa invasione.

(di Davide Pellegrino )